LA VERITA’ SU ARKEON - Sentenza (definitiva) “arkeon” di primo grado a Bari: nessuna “psicosetta”

Nelle Motivazioni della Sentenza, alle pagine 896 e 897 si legge:
“l’esito di questo giudizio ha sconfessato la sussistenza della principale e più grave delle accuse, costituita dall’essere Arkeon una “psico-setta”, ha portato ad escludere la sussistenza di uno stato di incapacità di intendere e volere per i partecipanti a qualsiasi tipo di seminario e di tecniche manipolatorie della mente, nonché di violenze di ogni genere poste in essere nei confronti di minori. In questo giudizio non vi è stata contestazione di reati fiscali ed è emerso che i costi dei seminari erano fissi e noti ai partecipanti. Il processo ha portato ad escludere la sussistenza dell’aggravante dell’aver indotto nei partecipanti il timore di un pericolo immaginario, come cagione giustificativa degli esborsi economici, nonché di quella del danno di rilevante entità e da questo è conseguita la ritenuta improcedibilità dei reati di truffa, con riferimento ai quali non era stata sporta alcuna querela da parte delle vittime…”

Registrazione audio integrale della Relazione di Raffaella Di Marzio: ORGANIZZAZIONI SETTARIE E ANTISETTARIE: STRUTTURE E DINAMICHE SIMILARI IN CONTESTI ANTAGONISTI - 12° Congresso Internazionale della Società Italiana di Psicologia della Religione (SIPR): "L'IO, L'ALTRO, DIO: Religiosità e Narcisismo" - Testo registrazione

Le Confessioni del "mostro nello specchio". Arkeon, Le Associazioni Anti-sette e l'Ordine degli Psicologi: Un'esperienza personale

The Confessions of "the monster in the mirror". Arkeon, the Anti-cult Associations and the Order of Psychologists: a personal experience

Movimenti Antisette e Neutralità dello Stato - Un caso di studio: la FECRIS

Nella sua conclusione Willy Fautrè mette in evidenza come associazioni membri della FECRIS, nelle nazioni prese in considerazione dalla ricerca, mettano in atto azioni discutibili

Sette, antisette, "setta degli antisette", aiuto e altre riflessioni - Simonetta Po

Persecuzione e campagne anti-sette: intervista a Raffaella Di Marzio - di Camillo Maffia


venerdì 11 febbraio 2011

Vicenda arkeon: il CeSAP di Lorita Tinelli integra nuovi consulenti 10-2-2011


Il mese scorso hanno destato notevole clamore nel settore anti-sette le “prodezze” dei centri estremisti anti-sette che con l’appoggio di altre associazioni e singoli, avevano formato il “forum Nazionale Antiplagio”.

Oltre al prezioso contributo di Silvana Radoani e di FIRS, due coinvolgenti articoli di Martinez contribuiscono a fare ulteriore luce sulla penosa vicenda. Questo grazie anche al contributo di alcuni dei diretti interessati coinvolti, sia del forum Nazionale Antiplagio (FAVIS, ARIS, CeSAP, Antiplagio Volontario, ecc.) sia del CONACREIS.
http://kelebeklerblog.com/2010/12/29/domenico-scilipoti-amico-delle-sette-amico-dei-cacciatori-di-streghe/
http://kelebeklerblog.com/2010/12/30/domenico-scilipoti-perde-una-staffa/

E mentre faccio anche mio l’appello di Martinez a “non infierire troppo” perché certo taluni gruppi pericolosi esistono e certo fanno danni, e purtroppo molte persone, come ad esempio Aldo Verdecchia, hanno toccato da molto vicino queste realtà, dall’altro devo notare che il CeSAP di Lorita Tinelli pare abbia fatto spallucce e tirato avanti, magari alla ricerca di altri sponsor.

Ben altro spessore ha mostrato in questa occasione Giovanni Ristuccia di SOS Antiplagio, che non solo ci ha messo la faccia e ha ammesso l’errore, ma ha pure schiettamente detto quello che pensava in proposito:

“…Però lasciami un minimo di giustificazione perché tanti anni di attesa, lotte, sofferenze vissute direttamente e nelle lacrime dei nostri assistiti, tanti anni di viaggi della speranza a Roma da diversi politici, senatori e deputati, promesse quasi sempre disattese… Era troppo bello per essere vero!”.

Ora io non condivido, ma certo stimo e rispetto una tale chiarezza.

Negli stessi giorni di questi fatti, si scioglieva anche un altro equivoco. Equivoco costruito sulla pelle delle persone e famiglie legate a “YOUR TRAINERS”.
Equivoco, inutile dirlo, a cui aveva ben contribuito il CeSAP.
Nel loro blog, ne parlano gli interessati stessi.
Per mesi e mesi, persone e famiglie vicine a questo gruppo sono state prese di mira, diffamate e insultate da persone anonime, che alla disponibilità di persone che, con nomi, cognomi, numeri di telefono, si dichiaravano disponibili a chiarire, si sono viste ricambiate dal solito “odio” stereotipato di persone vicine a gruppi anti-sette estremisti.

Grazie a Dio, in questo caso è finita meglio della vicenda arkeon.

La differenza è che, mentre il fondatore di YOUR TRAINERS ha ricevuto ascolto da una associazione anti-plagio, arkeon, che si era messa, fin dall’inizio della vicenda nella primavera 2006, a disposizione del GRIS (Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-Religiosa) per uno studio sul gruppo, ricevette dal GRIS una bella alzata di spallucce, tanto che lo studio di arkeon fu poi iniziato dal CISF (Centro Internazionale Studi Famiglia) a fine 2006, ben prima della conoscenza delle indagini della Magistratura. Centro poi preso, per questo, di mira pesantemente da un violento e spregiudicato attacco dell’Unità.

Parlo oggi di queste cose perché credo sia importante per cogliere il senso di quanto sta avvenendo in questi ultimi giorni.

Come molti sanno, il processo contro arkeon, dopo le prime scaramucce in aula, sta per cominciare.

Il 24 febbraio, la Corte di Bari, dovrebbe pronunciarsi riguardo alcune richieste di accusa e difesa.

La posta in gioco è alta per tutti, e la tensione è evidente.

Lorita Tinelli del CeSAP ha ripreso a tuonare dai suoi pulpiti, dando pure dei mafiosi a quelli di arkeon.

Qualche giorno indietro ho aperto diverse pagine su facebook per rendere un po’ più accessibile il materiale già presente in rete ormai da anni su alcuni blog amatoriali, tra cui il mio.

http://www.facebook.com/#!/pages/Arkeon-una-testimonianza/176341905742826
http://www.facebook.com/#!/pages/Il-caso-Arkeon/124447450960132?v=wall
http://www.facebook.com/#!/pages/Lorita-Tinelli-il-curioso-caso-della-Presidente-del-CeSAP-Noci/191797020843905?v=wall

Il giorno successivo, sulla pagina facebook del CeSAP, accanto al link della mia pagina di facebook, si leggeva questa scritta: “la pagina dei fan della psicosetta Arkeon”.
Dove l’accento non era certo sulla mia pagina, per altro da me firmata apertamente con nome, cognome, sito, e-mail, ma piuttosto sui “fan”.

Ora, è evidente che il processo a Bari si giocherà, oltre che sugli elementi di prova, molto anche sulle testimonianze. Il clima di persecuzione scatenato soprattutto dal CeSAP di Lorita Tinelli era già ben conosciuto anche prima della mia comunicazione pubblica nell’Ottobre 2008.

Personalmente leggo questa ultima iniziativa di Lorita Tinelli come l’ennesimo, e certo non ultimo, tentativo di mettere alla berlina persone che certo non hanno nulla di cui vergognarsi, e il cui unico torto è quello di custodire la propria verità che poi sarà condivisa in Tribunale.

Il mio commento, postato sul mio blog e ripreso da quello del CeSAP, a questo ennesimo e gretto fanatismo, osservando la foto del falò, è stato : “E' bello vedere il fuoco di Ostuni nella pagina di facebook del cesap. Chissà che non porti un po' di luce e un po' di fede anche lì...”.

Poco prima infatti avevano postato dal CeSAP : “L'autore di questa pagina è un maestro di Arkeon, indagato per associazione per calunnia, per aver denunciato la Tinelli e due fuorusciti da Arkeon, sapendoli innocenti. Oltre a questo sta conducendo una fitta attività diffamatoria e di stalking a danno della Dr.ssa Lorita Tinelli, già monitorata dall'A.G.” – “Naturalmente si prenderà atto di questa campagna diffamatoria di grande interesse anche della Polizia Postale. Le pagine fb, contrariamente ai siti aperti all'estero, danno maggiori garanzie sull'identità di chi le apre”.

Ed io a mia volta sul mio blog: “E' interessante notare quale sia il concetto di libertà di Lorita Tinelli e del suo CeSAP. Lei può parlare di tutto e di tutti. Peccato che dei suoi metodi e dei suoi sistemi nessuno possa parlare. E poi da' pure dei mafiosi agli altri... I miei complimenti davvero. Pietro Bono”.

Ora risparmio ai lettori i successivi passaggi, per andare direttamente a ciò che mi preme dire.

Infatti, ad un certo punto viene coinvolta sulla pagina del CeSAP, una persona che, in qualità di maestra di Reiki, porta le proprie considerazioni. Ora io non voglio infierire troppo contro questa persona, credo sia in buona fede, come immagino la quasi totalità dei tanti iscritti a quella pagina. E come molti di costoro si deve “bere” quanto lì riportato.

Peccato che costoro raccontino spesso frottole, mettendomi in bocca cose mai dette ed attribuendomi una mail (anonima!?) con tanto di foto che io non ho mai spedito… perché non ce l’avevo prima e perchè certo non mando mail anonime a nessuno.
Insomma le solite storie.

Peccato che poi la gente se le beve. E così questa maestra di Reiki che poi si infervora, fino a che viene tirata in ballo esplicitamente. Al che lei prontamente risponde: “Sarei proprio curiosa di sentire cosa ha da dire quel "gentiluomo", anche se già lo immagino: ne ho ascoltate talmente tante! Io sono pronta: quando volete!”

Così colgo qui l’occasione per rispondere a un così "garbato" invito e posso serenamente dire che, nella mia esperienza del Reiki, così come in altre arti marziali che ho praticato, sempre era presente un angolo con le foto dei maestri e una candela o incensi, che è pari pari l’analogo dello spazio, presente nella quasi totalità delle abitazioni, in cui si ricordano le persone care, vive o defunte, della famiglia, con magari l’aggiunta di qualche icona o oggetto legata al sacro.

Nel lignaggio di Reiki che io ho praticato per alcuni anni, a partire dal 1993, ciò era presente sempre.

Sia con Vito, sia con la sua maestra Furumoto che ho conosciuto, sia con Paul Mitchel, attuale custode di quel lignaggio di reiki, di cui ho seguito le lezioni di ki-aikido in diverse occasioni all’estero.

Sempre era presente un angolo con le foto e una candela posata su un semplice lenzuolo bianco.

Che questo non sia un’esperienza comune alla maestra Laura Fezia, non mi stupisce tante e tali sono state negli anni le varianti introdotte in quella miscellanea che è diventato l’insegnamento del Reiki.

Devo però ammettere che parlare qui di queste cose mi sembra un po’ buffo.

Se penso che la signora che insieme alla Tinelli hanno denunciato per calunnia 46 persone di arkeon, scriveva, riferendosi all’iniziazione (che immagino essere identica nella forma a quelle che la signora Fezia utilizza nei sui corsi), come a un “sabba”, un rituale orgiastico-demoniaco, allora non posso non chiedermi cosa stia accadendo all’interno del CeSAP.
Dopo aver assistito allo spettacolo di Carlo Fornesi che “sfotteva” (per fortuna è pure psicologo, oltre che consulente del CeSAP, se no cosa ci dovevamo aspettare?) in rete il figlio del fondatore di arkeon, ora assistiamo ad un avvicendamento dei consulenti. Ora abbiamo anche una maestra di Reiki, che tra l’altro, oltre che di Clearing, se ho ben capito, si occupa pure di SOS anti-maghi e SOS anti-sette.

Ben venuta Signora in questo inferno, gentile dono di Lorita Tinelli. Venga pure che c’è posto per tutti.

Questa, che all’interno del CeSAP sia in corso un tale dibattito sul Reiki, è una notizia interessante.

Ma assolutamente non comparabile con quella che è il vero scoop di questi giorni.

Il CeSAP ha fatto outing.

No, non sto scherzando, dopo mesi e anni di indugio, dopo che lo stesso PM Bretone ha dichiarato in Tribunale che sotto processo è l’intero “metodo arkeon”, ora il CeSAP di Lorita Tinelli esce allo scoperto:

“…Intanto vedremo cosa avrà da dire la Chiesa di questo altarino, visto che Arkeon si presenta nelle carte giuridiche come di un gruppo spirituale. Vi sapremo dire!” – “Beh, su queste cose io credo ci siano precise idee. Considera che Arkeon vorrebbe farsi passare per un gruppo spirituale. Nello stesso tempo tutti abbiamo assistito al tipo di prete cui si sono rivolti per fare tale percorso. Un sacerdote, ...che malgrado tutto, ha confessato due relazioni, una di 20 e l'altra di 30 anni con due persone diverse. "E' il prete di Arkeon!" ha detto inorgoglito Moccia. Quindi, chissà qual'è la sostanza spirituale che andavano promuovendo. Ma presto qualche bravo teologo ce lo farà sapere…”.

Se ben ricordo, circa duemila anni fa, Qualcuno scelse umili persone, peraltro assai peccatrici, per affidare la diffusione del Suo messaggio. Agli ipocriti ed ai Farisei riservò ben altre parole e trattamento.

Premesso questo, osserviamo un po' lo Statuto CeSAP:  Articolo 2 – Finalità e scopi: “…il CeSAP è una associazione senza fini di lucro, aconfessionale e apolitica;…”

Ora, dopo aver visto le ripetute relazioni del CeSAP con IDV (italia dei valori), tramite Scilipoti, Gianni Leone, Giovanni Panunzio di "Telefono Anti-plagio", se queste sono le cose che scrive un Centro Studi “aconfessionale”, figuriamoci se fosse stata l’Inquisizione della Chiesa…

E questo sarebbe materiale per un processo penale o solo per il piacere gossipparo e, neanche tanto vagamente, “distruttivo” di Lorita Tinelli?

Questo è la più palese dimostrazione dell’intento diffamatorio della Tinelli. Dove i reati non ci sono, ma il prurito, quello di far del male a persone innocenti, quello c’è eccome. Mi chiedo se non sia una forma di perversione questa, e non quella additata, di un Sacerdote che, dopo anni di tormenti, comuni a molti suoi confratelli, trova una strada per uscire da una condizione devastante,  per ritornare coerente in seno alla sua amata Chiesa. E per questo viene linciato.
Ma chi è lei Tinelli per giudicare in quel modo una persona? Da quale "demone" è afflitta per desiderare tutto questo male gratuito?

Riprendendo il discorso dove l’avevo interrotto, e cioè sul fatto che il CeSAP ha una particolarità, che in realtà condivide anche con altri centri come l’ARIS e la FAVIS ad esempio, che è la particolarità di essere sia un centro anti-sette, sia un centro contro-le-sette.


Una sintesi della relazione tenuta dal dottor Massimo Introvigne al seminario internazionale del CESNUR , il Centro Studi sulle Nuove Religioni, svoltosi a Londra dal 25 al 28 marzo 1993, così titolava: “Il movimento "anti-sette" laico e il movimento "contro le sette" religioso: strani compagni di viaggio o futuri nemici?”

“…non tutti gli osservatori del movimento anti-sette hanno colto con chiarezza come questo movimento consista di due segmenti separati e sempre più in conflitto fra loro, uno "laico" - spesso laicista - e l’altro religioso. La distinzione fra un movimento anti-sette e laico e un movimento contro le sette religioso è stata introdotta da J. Gordon Melton e dal sottoscritto (1)..."


“…Riassumendo possiamo distinguere quattro tipi di movimenti che si oppongono alle "sette":

— i movimenti anti-sette razionalisti, composti soprattutto da "scettici di professione", che vogliono "smascherare" i fenomeni paranormali e magici e i miracoli. Il gruppo più tipico è l’americano CSICOP, il Committee for the Scientific Investigation of the Claims of the Paranormal, "Comitato per lo studio scientifico delle pretese del paranormale", a cui corrisponde in Italia il CICAP, il Comitato italiano di controllo delle affermazioni del paranormale, animato dal giornalista televisivo Piero Angela;
— i movimenti anti-sette post-razionalisti, che offrono in via primaria la spiegazione del "lavaggio del cervello" e del "controllo mentale", come tecniche pressoché infallibili da cui nessuno sarebbe immune. Le principali organizzazioni di questo tipo sono su scala internazionale il CAN, il Cult Awareness Network, "Rete di consapevolezza nei confronti delle sette", e l’AFF, l’American Family Foundation, "Fondazione americana per la famiglia", a cui corrispondono numerosi organismi europei fra cui l’ADFI, l’Association pour la Défense des Familles et de l’Individu in Francia, FAIR, Family Action Information Rescue, "Azione, informazione e salvezza della famiglia" in Gran Bretagna e l’ARIS, l’Associazione per la ricerca e l’informazione sulle sette, in Italia;
— i movimenti contro le sette razionalisti, che cercano di spiegare il fenomeno in termini dottrinali e teologici, utilizzando con grande parsimonia - o anche negando - l’influenza del Demonio; il gruppo più autorevole - che produce spesso materiale di livello scientificamente accettabile - è il Dialog Center International, "Centro internazionale per il dialogo", promosso da luterani ma ecumenico, con sede ad Aarhus, in Danimarca; negli Stati Uniti d’America l’organizzazione più grande è il CRI, Christian Research Institute, "Istituto cristiano di ricerca", fondato da Walter Martin (1928-1989);
— i movimenti contro le sette post-razionalisti, che attribuiscono sempre e direttamente l’azione delle "sette" al Demonio, spesso in termini bizzarri; negli Stati Uniti d’America si possono ricordare i Living Truth Ministries, "Ministeri per la Verità vivente", violentemente anticattolici, diretti in Texas dal pastore Texe Marrs, e in Europa un certo numero di organizzazioni che fanno capo a comunità pentecostali, talora con influenza sul modo di considerare le "sette" anche in ambienti carismatici cattolici”.
“…L’espressione "guerre delle sette", cult wars, è stata largamente usata per designare il violento conflitto fra le "sette" e i loro oppositori negli anni Settanta e Ottanta (9). Le distinzioni tipologiche che ho proposto aiutano a comprendere come queste guerre continuano negli anni Novanta, ma vengono combattute in quattro teatri diversi…”

Ed è questo che rende particolarmente virulente queste Associazioni.

Così tutto ciò che si avvicina per qualunque motivo “all’orbita” di Lorita Tinelli, viene inglobato.

O si tratta di una motivazione “laica”: quella persona o quel gruppo è pericoloso e distruttivo perchè sono dei ciarlatani, oppure fanno il "lavaggio del cervello"...

Oppure quella persona o quel gruppo ledono una “dottrina religiosa" e quindi è pericoloso e distruttivo perché escono dai canoni "teologici"...

O, in alternativa, quella persona o quel gruppo è pericoloso e distruttivo perché… fa stalking e così lo denuncio e me lo tolgo dalle scatole…

Insomma, come dice bene Janine Tavernier, la ex Presidente della più grande associazione anti-sette francese: “…Insomma, se abbiamo qualcosa contro il nostro vicino, lo si accusa di appartenere a una setta…”.
Chiudendo questo post ho visto solo ora gli ultimi interventi di Tiresia e della Tinelli di oggi.

Leggendoli mi sembra di capire che confermano in pieno quanto scritto sopra. In sostanza lo scaltro (?)Tiresia si domanda se ci sarà pur qualche specialista disposto a trovare qualcosa che non va in arkeon, per un motivo o per l’altro. Meglio ancora se tutti insieme.

Io più onestamente la domanda la farei alle migliaia di persone che hanno conosciuto il lavoro di Vito. Premesso che una dose di dolore, più o meno grande, accomuna tutti coloro che scelgono di essere presenti alla propria vita e alle vicende della storia umana, ma voi cosa ne pensate oggi del vostro cammino passato? Lo rifareste?

Ne riparliamo presto. A Dio piacendo…


Pietro Bono

2 commenti:

giovanniottotrentadue ha detto...

Pietro, mi sento chiamato in causa. Rispondo perchè l'idea di non rispondere mi darebbe l'idea di tirarmi indietro. Rispondo in breve, perchè non mi sento bravo, come te, a tenere in equilibrio tutti i rami del dire e del ridire pro e contro Arkeon, ma anche perchè c'è una sorta di "disgusto" che non aiuta certo la fantasia nel pensare e nello scrivere. Rispondo, perchè la risposta è SI, ad alta voce: dolore e lacrime, per comprendere chi sono, dove sono e dove vado, ma nessuna rimpianto; lo rifarei, eccome! Ti correggo solo quando ti riferisci al "vostro cammino passato": per me non è passato, è un cammino che vive, e che mi "cammina" addosso e dentro. Grazie ancora e sempre del lavoro che stai facendo. Un abbraccio. Riccardo.

Anonimo ha detto...

Il sito del CESAP è il miglior strumento creato fino ad oggi per aiutare persone che hanno subito un abuso mentale da parte di organizzazioni varie. Basta leggere le centinaia di lettere ed esperienze pubblicate nel sito per farsi un'idea. Lo dico perchè è grazie a quel sito che sono riuscito a "salvare" una persona a me cara da una situazione di plagio mentale. E ce ne sono molti altri.

Se Arkeon non ha niente da nascondere, lo deciderà chi di dovere. Certo è che il modo con cui avete risposto alle accuse è proprio tipico delle psico-sette!

In ogni caso fino a quando non ci sarà un processo che lo confermi per me siete innocenti.

Guardate anche i lati positivi della democrazia!

Saluti

Andrea